Diagnosi pre-impianto - Biotech PMA

Vai ai contenuti

Diagnosi pre-impianto

L'infertilità > I trattamenti
Cos'è la diagnosi pre-impianto (DPI)?
La diagnosi pre-impianto (DPI, chiamata anche PGT-M o PGT-SR) consiste nell'analizzare il patrimonio genetico di un embrione ottenuto da una fecondazione in vitro, prima del suo trasferimento in utero, al fine di evitare la trasmissione di una malattia genetica presente nei futuri genitori.

Cos'è la diagnosi pre-impianto delle aneupoidie (DPI-A)?
Il depistaggio pre-impianto delle aneuploidie (chiamato DPI-A, PGT-A, o PGS) consiste nell'individuare le anomalie del numero dei cromosomi dell'embrione, con l'obiettivo di ottimizzare le possibilità di gravidanza per transfert e di diminuire il rischio di aborti. L'aneuplodia (numero anormale dei cromosomi dell'embrione, per es. trisomia 21) è una causa frequente del fallimento dell'impianto dell'embrione nell'utero. La DPI-A viene eseguita come complemento di una FIV in alcune coppie selezionate.

A chi si indirizzano la DPI e la DPI-A?
  • La DPI è destianata alle coppie portatrici di una malattia genetica.
  • La DPI-A riguarda alcune coppie infertili che si sottopongo ad un trattamento di fecondazione in vitro.

Quali sono le indicazioni mediche più frequenti alla DPI-A?
I seguenti fattori si associano ad un rischio più elevato di aneuploidie dell'embrione:
  • Età materna maggiore di 35 anni.
  • Fallimenti ripetuti di impianto nel corso di precedenti trattamenti FIV.
  • Pregressi aborti ripetuti (più di 3).
  • Anomalie genetiche fetali nel corso di una gravidanza precedente.
Come si svolge la DPI o la DPI-A ?
Questa tecnica è realizzata allo stadio di blastocisti dell'embrione, cioè tra la quinta e la sesta giornata di sviluppo. Le tappe principali sono le seguenti:
  • Stimolazione ovarica.
  • Prelievo di ovociti e fecondazione in vitro.
  • Prelievo di alcune cellule di ogni embrione.
  • Analisi genetica.
  • Trasferimento in utero di un embrione sano.
Torna ai contenuti